e-mail Gio  
Home Biografia Articoli Pareri Pillole Neologismi .

Manda Un Messaggio


Nome       : Lorenzo
Soggetto  : QUALCOSA DI NERAZZURRO
E-mail      :

Caro Moratti siamo tutti con te. Non mollare!
Secondo voi come avrebbe commentato questa disfatta il grande Brera? Squadra scoppiata o tatticamente presuntuosa (Recoba, Ronaldo e Vieri)?

Ciao


[12th May, 2002,17:02:38]

Nome       : attilio
Soggetto  :
E-mail      : inflames00@katamail.com

E'raro che un sito riesca a emozionarmi:questo lo ha fatto.


[11th May, 2002,23:38:59]

Nome       : gigi
Soggetto  : Scudetto gettato al vento
E-mail      : gigi.bignotti@gazzettino.it

dite qualcosa di nerazzurro !!!

Gg


[06th May, 2002,24:11:16]

Nome       : Ottavia
Soggetto  : Grazie
E-mail      : ottyx@libero.it

Voglio ringraziare pubblicamente Gigi Bignotti per aver citato la mia tesi sul suo giornale! Per me è stato un vero onore.


[25th March, 2002,24:40:17]

Nome       :
Soggetto  : Bonimba
E-mail      :

Dall’Intervista a Roberto Boninsegna “ La Stampa” 6 Marzo 2002-
GRANDEZZA del sommo Brera: battezzare i pedatori con soprannomi che ancora a distanza di ere calcistiche scalpellano immagini, producono suono. Dici Bonimba e vedi un mulinare di energia in bianco e nero, senti lo spostamento d'aria.
Bonimba le piaceva come soprannome?
«Mica tanto. Domandai spiegazioni a Brera e mi disse che gli ricordavo il nano Bagonghi, che ero goffo, col culo basso. Mi distrusse».


[06th March, 2002,15:27:16]

Nome       : Roberto Cantoni
Soggetto  : Carlo Brera
E-mail      : rcantoni@tiscalinet.it

Sono stato compagno di liceo di Carlo, figlio del grande Gianni. Lo ricordavo un po' ribelle e polemico, un po' fuori dal coro, e spesso in conflitto con qualche insegnante bacchettone. L'ho rivisto 26 anni dopo, cena di classe, con una serata finita tardissimo, chiacchierando delle storie di ognuno di noi. Il ribelle di allora mi apparve la persona più dolce del mondo. Parlava delle sue figlie e del fatto che, unico tra tanti, lui non aveva preso il "pezzo di carta". Ma aveva lasciato libero il suo spirito di essere ciò che gli piaceva. Ben più avanti di tutti noi. Caro Carlo, che solo un paio d'anni dopo dovevi raggiungere il tuo grande padre. Ti ricordo con tenerezza e vorrei che anche altri lo ricordassero.


[05th February, 2002,22:38:15]

Nome       : francesco
Soggetto  :
E-mail      : manede@libero.it

Sono un ragazzo di 24 anni e sono in procinto di laurearmi in Lettere Moderne con una tesi sul grande maestro Gianni Brera. Vi sarei grato qualora mi inviasse del materiale utile al completamento del mio lavoro.confidando nella vostra disponibilità vi ringrazio anticipatamente.


[09th November, 2001,22:41:04]

Nome       : Paolo Brera
Soggetto  : Poema sul ciclismo
E-mail      : tesseract@brera.net

(CORREZIONE PERCHE' L'INDIRIZZO E-MAIL ERA SBAGLIATO SUL MESSAGGIO PRECEDENTE E PER ALTRI MOTIVI) Stiamo cercando disperatamente un poema (sì, proprio un poema) di Gianni Brera sul ciclismo incluso in un volume-strenna sulla bicicletta, o sul ciclismo, pubblicato negli anni Settanta od inizio anni Ottanta dal Comune di Milano. Tramite il Comune non si riesce ad averlo. Se qualcuno ne ha una copia, può inviare a nostre spese un fax con le fotocopie, o spedircele per posta in cambio di un libro breriano?
Grazie in anticipo.


[01st September, 2001,20:40:03]

Nome       : Paolo Brera
Soggetto  : Un poema sul ciclismo
E-mail      : tesseract@brea.net

Stiamo cercando disperatamente un poema (sì, proprio un poema) di Gianni Brera sul ciclismo incluso in un volume-strenna sulla bicicletta, o sul ciclismo, pubblicato negli anni Settanta od inizio anni Ottanta dal Comune di Milano. Tranmite il Comune non si riesce ad averlo. Se qualcuno ne ha una copia, può inviare a nostre spese un fax?
Grazie in anticipo.


[01st September, 2001,13:02:48]

Nome       : FRANCI
Soggetto  : GI
E-mail      : A@TIN.IT

GHJFRV


[24th August, 2001,12:39:14]

Nome       : Giampiero Porzio
Soggetto  : Cincischiare
E-mail      : porzio1@interfree.it

"cincischiare" non era un neologismo breriano?


[04th May, 2001,25:49:25]

Nome       : Lorenzo
Soggetto  : ITALIA BRASILE '82
E-mail      :

Madre de Dios... cosi iniziava un articolo del grande Gianni all'indomani dello storico 3-2. Qualcuno l'ha conservato e può riportarlo su questa


[02nd May, 2001,23:59:25]

Nome       :
Soggetto  :
E-mail      : crimson63@katamail.com

Grassie Gioann!


[22nd April, 2001,3:57:26]

Nome       : Ottavia
Soggetto  :
E-mail      : ottyx@libero.it

Mi scopro unica nota rosa in questo sito... e ne vado un pochino orgogliosa.
Spero comunque di non restare l'unica.


[20th April, 2001,3:40:39]

Nome       : Ottavia
Soggetto  : Soprannomi
E-mail      : ottyx@libero.it

Sono una ragazza di 26 anni. Sto scrivendo una tesi di laurea sui soprannomi dei calciatori: ce ne sono tantissimi, ma non sono mai stati raccolti in un'unica pubblicazione, ne tantomeno analizzati e commentati. I nomignoli più belli sono sicuramente quelli creati da Gianni Brera. Cercandoli, ho avuto la possibilità di scoprire le prose del grande giornalista di San Zenone... chi avrebbe mai detto che mi sarei messa a leggere con passione la cronaca di partite di trent'anni fa?
Vorrei chiedere un aiuto per il mio lavoro a tutti gli appassionati ed esperti di calcio: se volete mettervi in contatto con me scrivete all'indirizzo ottyx@libero.it
Un consiglio a tutti coloro che si sono collegati a questo sito per motivi di studio: leggete il bel libro IL CALCIOLINGUAGGIO DI GIANNI BRERA.


[20th April, 2001,3:16:39]

Nome       : gigi
Soggetto  : bignotti
E-mail      : gigi.bignotti@gazzettino.it

Buona pasqua a tutti i breriani, ovunque dispersi
GIGI


[11th April, 2001,19:29:38]

Nome       : Franco Damiani
Soggetto  : "Verrà la tua stella"
E-mail      : profdam@libero.it

Sto cercando l'articolo "Vecchio Milan verrà la tua stella" che Brera pubblicò sul "Giorno" pochi giorni dopo l'infausto (per i rossoneri) 20 maggio 1973. Qualcuno mi può dare una mano? Grazie in anticipo. Franco Damiani



[27th March, 2001,20:48:34]

Nome       :
Soggetto  : Ricordo di Brera
E-mail      : http://sport.iol.it

GIANNI BRERA, GIORNALISTA, NO, POETA DELLO SPORT- Otto anni fa, su una strada provinciale della "sua" Bassa, terminava l’esperienza in questo mondo di Gianni Brera. Forse se ne andò nella maniera che desiderava e che si augurava, "rapito in cielo , come tocca agli eroi", una delle sue storiche e inarrivabili espressioni usata per dare l’addio, terreno o agonistico, al suo Rombo di Tuono o al Peppin Meazza. Oggi, per fortuna, nel giornalismo sportivo multimediale non esiste nessun Brera. Perchè nel marasma di giornali, riviste, radio, tv, del mare magno di Internet, sarebbe particolarmente fastidioso incocciare in qualcuno che pretende di ripercorrerne le orme o di copiarne l’inarrivabile stile. Brera non è stato un giornalista sportivo, ma un letterato e un intellettuale prestatosi alla cronaca e alla critica sportiva, che ha buttato nel cesso quello snobismo verso pallone, atletica, ciclismo, eccetera che spesso caratterizza la cultura ufficiale italiana. Nel caso del "Giôann", questo antipatico rifiuto nei confronti di chi fa o vive lo sport era assolutamente impossibile. Innanzitutto per la sua origine proletaria e contadina, che non rinnegherà mai e anzi, esalterà in mille e mille pagine. E poi perché è stato il primo scrittore a volere essere atleta e campione a sua volta, in questo caso con il linguaggio, imitando alla macchina da scrivere i personaggi che vedeva in azione: leggendo un suo articolo sul Tour de France o sui Mondiali di Calcio, le sensazioni di fatica, dolore, gioia, agonismo, potenza, classe e tutte le emozioni che esse portano sono lì con te, si possono immaginare e vivere con una facilità estrema. Proprio perché fuoriclasse assoluto, Brera divideva: o si amava o si odiava, le spaccature provocate dalle sue recise teorie, dalle lotte per il calcio all’italiana alla "rassa", dalla gastronomia alla lingua italiana. Quello che è vero che, giuste oppure no, il "Gran Pavese" sapeva documentare come nessuno le sue convinzioni: e allora inarrivabili e fantastiche cartelle su perché Rivera a volte era un danno ("non sono pagato per vedere il calcio al contrario, maledetti", scrisse in occasione dei polemici mondiali messicani) o perchè i lombardi, o meglio i padani, siano la razza-guida e i trascinatori di un Paese dalle molte facce: tutto, sia ben chiaro, lontano mille miglia dal folkore di un Bossi qualunque. Sì, Brera tutto sommato è stato fortunato, nella morte: ha avuto da Dio il dono di fare vivere agli altri delle emozioni attraverso la sua arte, se ne è andato prima di vedere il suo calcio stuprato dai soldi e dai Biscardi, il suo ciclismo e la sua atletica distrutti dal doping. Ha avuto il meritato destino di riposare per sempre dentro la sua terra, a San Zenone Po. Ricordandolo, conforta la certezza interiore che lui, soprattutto per questo, è felice in eterno. (http://sport.iol.it/)


[09th March, 2001,6:10:02]

Nome       : rik
Soggetto  : neologismi
E-mail      : rik.pastore@libero.it

Vorrei segnalare un neologismo di Gianni Brera non presente sul sito: i n t r a m o n t a b i l e. A presto.


[09th March, 2001,2:46:00]

Nome       : antonio garau
Soggetto  : nostalgia
E-mail      : antoniogarau@tin.it

Pochi giorni fa mi è capitato di parlare di Gianni Brera alla mia ragazza, che non lo conosceva se non di nome: mi è venuta una grande nostalgia del suo linguaggio, della sua intelligenza e della sua eleganza. Vi faccio i più sentiti complimenti per il sito e vi chiedo se è possibile farmi sapere come reperire i suoi articoli. Grazie, a presto


[09th March, 2001,2:44:55]

Nome       : Max
Soggetto  : Messaggio dalla "Rive Gauche" (dal Po)
E-mail      : max-isb@pop.libero.it

Quand ch'o vist al sit (ste robe moderne cle serv anca a quei c'à cuntinua a star chi, bradi o quasi, a guardar al Padar cà và vers al mar) o santest la stesa emozion ad cal dì, la vzilia ad Nadal dal nuantaquatar, che as sen farmà a S. Zenone in sla tomb ad Gioann. L'acqua dal Po la sera ritirada da poch, e lea lasà na riga apena sota al so nom, par sotalinear che anca lu l'era so fiol.


[09th March, 2001,2:43:59]

Nome       : Filippo
Soggetto  : Tesi su Brera
E-mail      : GRANDENADOR@LIBERO.IT

E' POSSIBILE FARE UNA TESI DI LAUREA SU GIANNI BRERA? IO CREDO DI SI E VORREI PROVARCI!MI PIACEREBBE METTERE L'ACCENTO SULLA LINGUISTICA DELLA SUA SCRITTURA,SULLE INFLUENZE CHE GRANDI AUTORI HANNO AVUTO SU DI LUI(DA BOCCACCIO A GADDA).SE AVETE MATERIALI,SUGGERIMENTI,DUE CHIACCHERE DA FARE,VI PREGO DI CONTATT RMI. IL MIO SOGNO NEL CASSETTO E' DI DIVENTARE UN GIORNALISTA SPORTIVO E SAREBBE IL MASSIMO INIZIARE CON UNO STUDIO SUL MAESTRO DI QUESTO MESTIERE.CON SIMPATIA FILIPPO


[09th March, 2001,2:43:06]

Nome       : Alberto Pelo'
Soggetto  : Iscrizione
E-mail      : avvocatoalberto@altrimedia.it

Cari amici, mi chiamo Alberto Pelò vivo e lavoro a Piacenza, ho 33 anni, e sono un lettore accanito del Maestro, la cui scomparsa ha lasciato un vuoto nel mondo della cultura italiana (e non solo in quella sportiva) che difficilmente verrà col ato, considerato che la sua eredità resta tutt'oggi priva di un potenziale successore. All'orizzonte nemmeno l'ombra di un nuovo Gianni Brera. E allora mi schiero anch'io con sommo orgoglio tra le fila di coloro che spesso si sono trovati a pensare di fronte ad un evento non necessariamente di carattere sportivo: chissà che cosa avrebbe detto e/o scritto Gianni Brera? Vorrei iscrivermi alla Vostra associazione per coltivare l'amore letterario per il Maestro e per promuoverne l'assoluta modernità di pensiero. Con amicizia. Alberto Pelò (avvocatoalberto@altrimedia.it)


[09th March, 2001,2:42:18]

Nome       : Paolo Brera
Soggetto  : diritti gratis
E-mail      : brera@brera.net

Non so se sia chiaro, ma la persona che cura questo sito ha il permesso della famiglia di pubblicarci sopra qualunque scritto del Gioann. Il sito stesso è ospitato - oltre che su geocities - anche all'interno del sito www.brera.net, che tratta d'altro ma ppartiene alla famiglia. Ringrazio di cuore tutti coloro che tengono alla memoria di mio padre e la serbano viva partecipando alla chatroom o anche solo collegandosi con l'ottimo sito (non rivelo il nome della persona che lo cura perché può rivelarlo lui tesso quando vuole).


[09th March, 2001,2:41:24]

Nome       : Marco B.
Soggetto  : Il miglior risotto
E-mail      : marco@etd.es

A volte vorrei andare a comprare il giornale con la stessa emozione di quando lo facevo anni fa, quando scriveva il Giôan. Ricordo di quando pensavo al calcio come ad una questione di muscoli, di uomini, di coraggio e di quando, al ristorante, dubitavo fr bere bianco o rosso. Cresciuto grazie anche alle buone letture di pochi maestri, mi sono rassegnato ad un calcio truccato dai troppi interessi e mi sono fatto convinto sostenitore dell'idea che il rosso fa bene e va bene con (quasi) tutto. Non saprei come esprimere la mia gratitudine a Brera. Ci provai, nel '90, se non ricordo male, scrivendo insieme al dott. Barbieri una lettera all'Accademia di cui ne vado tuttora fiero: fu premiata con la pubblicazione immediata e con un titolo che mi ri mpie di orgoglio, "Il miglior risotto". I miei complimento vanno a chi si è preso cura di questo "sitt" e vengono da chi, modestamente, ha pranzato alla Pro-Loco di Spessa (risotto coi peperoni), da "Alfredo" a Milano (sempre risotto, questa volta alla Pavese) e si diverte ancora quando la sua quadra vince, molto di più di quando dà solo spettacolo. Salud.


[09th March, 2001,2:40:31]

Nome       : Francesco Parigi
Soggetto  : un ringraziamento ed un ricordo
E-mail      : Parigi.francesco@grtn.it

Sono un grande ammiratore del Brera giornalista sportivo. Mai come negli ultimi anni ne ho sentito la mancanza durante gli Europei appena trascorsi quando molti hanno dato fiato alle trombe di quello che Lui avrebbe stignmatizzato come "qualunquismo". Gli devo molto se oggi so leggere qualcosa di una partita di calcio, se conosco qualcosa dell'evoluzione di questo splendido gioco, se ho capito che è davvero un "mistero senza fine bello" ma obbedisce ad una logica. Oggi che non c'è più Lui siamo affogati nelle musse di coloro che rinnegano la nostra storia fatta di vittorie oltre che di sconfitte e che inneggiano agli schemi plaudendo poi ad un calcio che non ne contempla se non di impossibili. Grazie per questo sito e complimenti per la cura con cui è realizzato e che consente a chi è un inguaribile nostalgico del Gioann di poter leggere qualcosa di lui che, nonostante sia datato, è molto più attuale dei sermoncini di certi facili profeti. Salud


[09th March, 2001,2:39:36]

Nome       : Luciano Patat
Soggetto  : Complimenti
E-mail      : walem@libero.it

Innanzitutto complimenti per la creazione di questo sito... spero venga ampliato, per qpprezzare ancora la "penna maledetta" di Brera in azione! Ho apprezzato molto la risposta di Brera a Domenghini ("ma tasi, pirla!"), e confesso che, nonostante la mia g ovane età, sono molto appassionato e affascinato dal personaggio Gianni Brera. Ho letto del sito su "Il Gazzettino" e l'ho visitato subito... ma volevo sapere: dove si possono reperire i libri scritti dal Maestro? escono in qualche collana speciale, per qualche casa editrice di riferimento? Grazie per l'attenzione, Luciano Patat


[09th March, 2001,2:38:34]

Nome       : Confraternita del cotechino
Soggetto  : Pro loco di Spessa
E-mail      : cotechinolight@libero.it

Gianni Brera disse: E' un luogo straordinario, sul fiume. Fuori c'è una balera, e un acquario con tutti i pesci del Po. Grande cucina, grande bevuta. Gente amica, gente timida. "Brera,notte di veglia con i baroni del Po" La Stampa 27 dicembre 1990. il 22 gennaio 2000 è stata presentata ufficialmente la Confraternita del Cotechino Magro che ha sede presso la Pro Loco di Spessa. Se volete, fate una visitina al sito Forse, anche il Giuan sorriderebbe.


[09th March, 2001,2:37:14]

Nome       : Pier Luigi Nascimbene
Soggetto  : richiesta informazioni
E-mail      : pinasci@tin.it

Non so come fare per procurami il libro di Gianni Brera "Una provincia a forma di grappolo d'uva". Ringrazio anticipatamente coloro che mi vogliono fornire informazioni.


[09th March, 2001,2:36:07]

Nome       : COSTANZO NONINO
Soggetto  : Gianni Brera
E-mail      : cosnoni@tin.it

Che dire di Brera....gli devo molto; credo mi abbia insegnato ad amare la lettura come nessun insegnante di liceo era riuscito a fare, e dire che l'ho conosciuto quasi per caso: un amico mi disse....hai mai letto il guerrin sportivo? leggi le pagelle di B era e la rubrica Arcimatto (spero di non fare confusione con l'accostamento)....... e la mia conoscenza di brera scrittore-giornalista è cominciata così....... Mi sono regalato quasi tutti i suoi libri ed ora cerco di proporli a mio figlio. Mi entusiasmava il suo razionalismo ricco di intuizioni realistiche; dopo di lui nessun altro, a mio giudizio ha raggiunto vette così alte. Spero non me ne vorrà nessuno.


[09th March, 2001,2:35:17]

Nome       : Maurizio Toso
Soggetto  :
E-mail      : icarodue@libero.it

Chissà se a Brera sarebbe piaciuto questa idea del fun club...Con tutta probabilità ci avrebbe mandato tutti a scoar el mar! Questo sito, battutacce a parte, è una grande idea, trovo sinceramente scandaloso che del Gran Lombardo si parli così poco. Grazie al cielo ci restano Mura, Clerici e Cesare Fiumi. p.s.:oltre che cultore di Gianni Brera sono un (pessimo) giornalista e un ancor più scarso studente di Letter che sta preparando una tesi sul nostro grande vecchio. Se qualcuno possiede una bibliografia completa delle sue opere, mi farebbe cosa gradita sp dendomele sull'indirizzo icarodue@libero.it. Buone letture e migliori bevute a tutti!


[09th March, 2001,2:34:21]

Nome       : Alessio Casalvieri
Soggetto  : complimenti
E-mail      : alcasal@infinito.it

Salve, sono arrivato su questo sito da liber libri, appena ho letto il link ad un sito dedicato a Gianni Brera mi ci sono tuffato. Sono contento che non sia stato dimenticato. ho 25 anni, forse un po' pochi per ricordarlo bene, ma il lunedì compravo sempre la gazzetta o il corriere per leggere l'editoriale sportivo di Gianni Brera. Non erano pezzi di sport, ma pezzi di bravura dialettica, di profonda conoscenza calcistica, argu ia, erano articoli di costume. Gianni Brera sapeva raccontare le cose e sapeva comunicare i suoi pensieri. Il processo del lunedì non era così squallido. Ho letto un libro di Gianni Brera, 'Il corpo della ragassa' e mi è piaciuto. Lui era un uomo profondamente legato alla sua terra, fiero della sua giovinezza e tutto questo è testimoniato dalla sua vita e dalla sua opera, ed è una cosa che ho sempre apprez ato nelle persone. Ho sempre ammirato la sua finezza nel comprendere il calcio e nello spiegarlo, anche ai giornalisti... Scrivo da Latina e sono tifoso dell'Inter e mi piaceva pensare che i fasti della grande Inter siano stati visti e raccontati da Gianni Brera, l'unico che sapeva di calcio...


[09th March, 2001,2:33:31]

Nome       : leonardo raschi
Soggetto  : W Pesaola, Nereo Rocco, Valcareggi, Bernardini...
E-mail      : lraschi@intelcom.sm

Cara redazione, le parla un ex appassionato di calcio deluso ed amareggiato per l'attuale stato di totale involuzione in cui versa lo "spettacolo" calcistico. Le partite di calcio del campionato italiano sono diventate veramente brutte. Troppo. (la maggior parte dei gol avvengono a seguito di palle inattive)A mio avviso le cause possono riassumersi sostanzialmente in tre pseudotattiche: il fuorigiuoco, la difesa a tre, la squadra corta. Per quanto riguarda il fuorigiuoco trovo che sia un escamotage meschino, fellone, odioso, controproducente e contro lo spettacolo. Chi se ne frega in una partita di veder effettuati 20 fuorigiuoco e non invece 20 palle-gol. A proposito che ne dice di intr durre la regola in base alla quale lo spettatore può venire rimborsato alla fine della partita se non ha assistito a uno spettacolo di almeno 20 palle-gol ? Per quanto riguarda la difesa a tre l'unico effetto che hanno sortito è stato quello di aver fatto sparire i terzini di spinta o d'attacco quali i Cabrini i Gentile i Brehme i Briegel e tanti altri riducendo il ruolo di difensore a puro stopper. Esistereb ero ancora dei forti terzini d'attacco: vedi Serginho o Cafù (Maldini si è troppo appesantito e oramai è uno stopper anche lui) ma vengono impiegati in maniera impropria a centrocampo nell'ignominioso, insulso, ibrido, ed equivoco ruolo di esterno (?) Occ rrerebbe inoltre ripristinare il ruolo del Libero. Per quanto riguarda la squadra corta penso che una squadra che sia veramente forte e ritenga di esserlo debba affrontare l'altra a viso aperto sulla base della squadra lunga. Quello che non hanno capito i nostri tecnici (?) è che inibendo il giuoco alla s uadra avversaria con la squadra corta, inibisci il giuoco anche alla propria squadra. Si dovrebbe adottare la tattica di Cassius Clay: si ricorda quando Clay abbassava la guardia a fronte di un avversario che rimaneva chiuso e non aveva voglia di "fare a ugni". Nel calcio dovrebbe succedere la stessa cosa: quando una squadra rimane corta e chiusa, l'altra dovrebbe allungarsi ed aprirsi (alla Clay appunto)e cioè a dire : vieni avanti, guarda lo spazio che ti lascio che poi quando a tua volta ti allunghi pe attaccarmi, io poi ti infilzo come un tordo perchè sono più forte. Nella squadra corta vince chi reprime di più, nella squadra lunga vince chi crea di più. E siccome io credo che il giuoco del calcio sia creazione per non dire arte, vada sicuramente pers guita la seconda strada. LA mia partita ideale che vorrei sempre vedere è quella di due squadre ai tempi supplementari che stanno sullo 00 e che se pareggiano vengono eliminate entrambe. Li si vedrebbe lo spettacolo, i capovolgimenti di fronte, il coraggi , l'assalto all'arma bianca, la squadra lunga, finalmente. Per finire un un ultimo auspicio: che Presidenti di squadre di calcio, una volta recepite le mie idee, decidessero come si fa per i vini con il DOC, di denominare con un marchio le proprie squadre garantendo che sono squadre che non praticano il fuorigiuo o, la difesa a tre, la squadra corta; garantendo quindi squadre che producono un sicuro spettacolo. Confido nel suo aiuto per divulgare queste mie idee e nel frattempo W Pesaola, Nereo Rocco, Valcareggi, Bernardini, Bearzot... Leonardo Raschi Repubblica San Marino


[09th March, 2001,2:32:06]

Nome       : Franco Lunardi
Soggetto  : Congratulasion
E-mail      : franco.lunardi@iol.it

Xe proprio vero che su 'sto Internet ghe xe de tuto, ma trovar un sito tuto par el poro Brera a xe sta 'na vera reveazion. Grassie.


[09th March, 2001,2:29:57]

Nome       : Giorgio Falco
Soggetto  : Gianni Brera
E-mail      : falcof@yahoo.it

Che piacere leggere Gianni Brera. ("Addio, bicicletta" e' il mio favorito). Ritmo,grazia,ironia, buttandoci dentro francese, latino, dialetto della bassa, del sud, parole nuove, vecchie, dimenticate, stufato, vino rosso, sigari, pioppi e il balon, certo. Avanti di decenni. Da bambino lo vedevo in quelle trasmissioni sulle tv private milanesi, circondato dal fumo dei suoi sigari, dalle parole che maneggiava con tanta destrezza. Quando guardo una partita di calcio, quando l'estone Kallaste batte le rimesse piroettando come un vecchio acrobata del circo di Mosca e il pubblico fa ohoh ohoh come fosse un golletto qualsiasi, quando prendo la bici e percorro l'alzaia della mia infanzia, vorrei tanto che Gianni Brera ci fosse ancora, perche' mi manca chi, dal nulla, tira giu'la materia e la vivifica. Saluti Giorgio Falco


[09th March, 2001,2:27:41]


Copyright ©1999-2001 - Della Zolla Bros. from Ceneselli, Rive Gauche (dal Po )